lunedì 30 aprile 2018

SONATA - A9

SONATA - A9

Album: PLANET NINE (2018)
Testo: Shou - musica: A9
Lyrics

SONATA
Hanabira ga anata no hou ni furete
haru ga mata kuuki no naka e toketa

Kakaeta hiza kara te wo hanasanu you
katakuna ni hitori de ikiru sugata
Rinto shinagara mo
kowareteshimai sou de
Boku wa mugon no mama
te wo nigitta

Tsumetasa wa atatakasa wo
shitteirukara kanjiru
Aimaina kotoba guchi kara
kobosu yori tonari ni iru yo

Ikusen no hikari kara anata wo mitsuke
Shinzou ni chi ga kayou
imi wo shitta toki
Yogorete mo ii nani mo nai te de
tada hitotsu tsukamerunara

Tooku hanarereba
utsukushiku mieta
yowasa wo kakushite mo
ikiru hito ni
Chippoke demo ii
yorikakaru tsuyosa
Yasunde mo ii ndayo to nando mo iou

Arashi no naka no kokage ni
boku wa tada naritaikara
Owaranai tabi de senaka wo
osu yori mo tonari ni iru yo

Hitomi toiu faindaa kara
anata wo mitsume
ate no nai mirai ni mo
utsushitsuzuketai
Kagi wa nakute mo
nandodemo yobu yo
Yowasa mo wakachiaou

Ashita toiu ima wa togire souna
kinou wo tsunagi tome
ikitai to negatta akashi de
Dakara ima dakishimesasete

Hitomi toiu faindaa kara
anata wo mitsume
ate no nai mirai ni mo
utsushitsuzuketai
Kagi wa nakute mo
nandodemo yobu yo
Nandodemo...

Ikusen no hikari kara anata wo mitsuke
Shinzou ni chi ga kayou
imi wo shitta toki
Yogorete mo ii nani mo nai te de
mamoritai mono ga arukara
Anata no hou ni fureyou
Traduzione

SONATA (x)
Un petalo ti sfiora la guancia;
la primavera si scioglie di nuovo nell'aria.

Senza lasciar andare le sue ginocchia,
quella figura vive testardamente da sola.
Pur se dignitosa,
appare così distrutta.
Allora ho afferrato quella mano,
in silenzio.

Se puoi sentire il freddo
è perché conosci il calore.
Piuttosto che versare parole ambigue
dalla mia bocca, io ti starò accanto.

Tra milioni di luci, io ho trovato te.
In quel momento ho compreso il motivo
per cui il sangue scorre fino al mio cuore.
Va bene sporcarmi questa mano vuota se
c'è una singola cosa che posso stringere.

A coloro che vivono nascondendo
le loro debolezze,
le cose apparivano belle solo
da lontano.
Va bene imparare ad essere forti,
anche solo un po'.
Ma direi che anche rilassarsi va bene.

All'interno delle ombre della tempesta,
voglio solo farcela.
Piuttosto che spingere la tua schiena
in un viaggio infinito, io ti starò accanto.

Osservandoti dal mirino
chiamato sguardo,
voglio continuare a riflettere
il futuro senza meta.
Non ho la chiave, ma
continuerò a chiamarti tutte le volte.
Condividiamo anche le nostre debolezze.

Al presente chiamato domani,
legherò il passato che sembra infranto,
come prova che allora volevo vivere.
Quindi adesso lascia che ti abbracci.

Osservandoti dal mirino
chiamato sguardo,
voglio continuare a riflettere
il futuro senza meta.
Non ho la chiave, ma continuerò
a chiamarti tutte le volte.
Tutte le volte...

Tra milioni di luci, io ho trovato te.
In quel momento ho compreso il motivo
per cui il sangue scorre fino al mio cuore.
Va bene sporcarmi questa mano vuota,
perché ho qualcosa da proteggere.
Lascia che sfiori la tua guancia.

Nessun commento:

Posta un commento